TELECAMERE SULLA DIVISA: PARTE LA SPERIMENTAZIONE A ROMA E A MILANO.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Saranno circa 150 le telecamere che verranno montate sulle divise dei poliziotti. La scelta del capo della polizia prevede l’uso di 150 apparecchiature ad alta definizione. Per fissare i criteri di impiego sarà diramata nei prossimi giorni una circolare alle Questure e alle prefetture. Ma le regole sono già state decise. Saranno i capi squadra dei reparti mobili a tenere la telecamera con un raggio di azione ragguardevole. In caso di situazioni critiche i capi squadra e i funzionari avranno l’obbligo di riprendere tutto cio che accade filmando tutte le parti coinvolte e quindi con la possibilità che siano più telecamere a filmare la scena.

La sperimentazione riguardera per il momento Roma e Milano e partirà forse già da sabato prossimo e durerà sei mesi. Ci sarebbe anche l’idea di coinvolgere altri reparti tra cui le volanti in modo che gli agenti di ronda possano filmare meglio gli scontri. Tutte le immagini a tecnologia digitale avanzata convoglieranno in un server protetto che verrà messo a disposizione della magistratura in caso di incidenti o di altri possibili reati.

Ad avviso del NSP si tratta di un’ ottima iniziativa che porterà alla diminuzione degli scontri nonché ad un piu attento celere e preciso accertamento dei fatti al fine di evitare false strumentalizzazioni dei media e dell’opunione pubblica nei confronti della nostra categoria.

La SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi