Posta corporate: nuova procedura per il reset password

cybercrime-550
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Di recente il Dipartimento ha reso noto una nuova procedura per resettare la password del proprio indirizzo di posta corporate (poliziadistato.it e interno.it). Una procedura che la maggior parte degli uffici ancora sconosce, fornendo informazioni inesatte al personale. A seguito delle numerose segnalazioni ricevute questa O.S. informa che dal 1 giugno 2015 è disponibile una nuova procedura di self-reset al link https://provisioning.interno.it/resetpassword/. Tale nuova modalità permette di eseguire in maniera autonoma il reset immediato della password di accesso, in luogo dell’attuale procedura informatica che è stata definitivamente abolita.

Per poter utilizzare il servizio di self-reset è necessario, solo per la prima volta e prima della scadenza dell’attuale password, impostare tre domande e tre risposte di sicurezza (da memorizzare e custodire), indispensabili per il reset in caso di password dimenticata o scaduta. Si evidenzia che la compilazione delle domande/risposte è possibile solo con la password in corso di validità.

Per le caselle d’ufficio vanno inseriti i dati del referente. Si ricorda di consultare la guida “Posta Elettronica Corporate – Guida al Self-Reset/Cambio Password”, scaricabile dal suddetto link, dal sito http://sicurezza.interno.it  Posta Elettronica Corporate – sezione Circolari e Documentazione, e dal portale Doppiavela.

La procedura di self-reset annulla e sostituisce quella precedente, per cui dal 1 giugno 2015 non è più possibile inoltrare le richieste di reset con la vecchia modalità.

Si consiglia di procedere al reset in caso di effettiva necessità, cioè solo dopo:

1) essersi accertati di aver chiuso qualsiasi client di posta (PC, smartphone, tablet etc.) su cui risulta configurato il proprio account di posta;

2) avere atteso almeno 20 minuti dall’ultimo tentativo noto.

 Per coloro che non ricordano più la password o avesse la password ormai già scaduta, la procedura di reset sarà possibile solo e unicamente inviando la richiesta per iscritto (relazione di servizio) ad uno dei sottostanti indirizzi su carta intestata e firmata dal dirigente dell’ufficio d’appartenenza, completa di dati anagrafici, codice fiscale, PerId o numero di matricola e riferimento telefonico mobile:

  • personale appartenente al Dipartimento della P.S.: PEC: dipps.5settoretlc@pecps.interno.it; MIC:mininterno.555ustg/5sett.rm@cert.messaggistica
  • personale civile in servizio presso Prefetture, Dipartimento Politiche del Personale e Uffici P.S.: proxy.utg@interno.it
  • personale civile in servizio presso il Dipartimento degli Affari Interni e Territoriali: salaced1@interno.it
  • personale civile in servizio presso il Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione: dlci.assistenza@interno.it

Ottenuta la nuova password provvisoria (sarà inviata sul proprio telefonino) bisognerà recarsi tempestivamente sulla rete intranet del ministero all’indirizzo https://provisioning.interno.it/resetpassword/ per il reset password e per compilare le tre domande/risposte (fondamentale per poter resettare autonomamente le future password). Si ricorda che deve essere necessariamente usata una password diversa dalle tre password precedenti ed avente le seguenti caratteristiche:

– minimo 10 caratteri;

– almeno una maiuscola;

– almeno una minuscola;

– almeno un numero;

– almeno un carattere speciale tra quelli del seguente insieme: $ @ # ! ? & %.

 

Per ulteriori eventuali informazioni, i rispettivi dipartimenti possono essere contattati ai numeri di seguito indicati:

  • personale di polizia del Dipartimento della P.S. à 06 46548125
  • personale civile del Dipartimento Politiche del Personale, Prefetture e Uffici P.S. à06 46539768 – 39769 – 39800
  • personale civile del Dipartimento degli Affari Interni e Territoriali à06 46548003 – 48004
  • personale civile del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione à06 46526625

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi