“OPERAZIONE PHISHING 2.0”: il NSP chiede riconoscimento premiale per il personale intervenuto.

phishing_900
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Il 10 giugno u.s. sono state eseguite 62 ordinanze di custodia cautelare anche all’estero, delle quali 29 emesse dalla Procura della Repubblica di Perugia. L’indagine ha evidenziato collegamenti tra una cellula operante a Torino e un’altra attiva in territorio spagnolo, coinvolgendo quindi i canali di cooperazione internazionale e delle strutture di Polizia e magistratura spagnola. L’operazione internazionale ha coinvolto poi Portogallo, Regno Unito, Belgio, Georgia, Polonia e Turchia, con la necessaria regìa dei vertici della Polizia di Stato per interfacciarsi con Interpol, Eurojust, Europol e le polizie dei Paesi in cui sono scattati gli arresti.

La particolare tecnica utilizzata dal gruppo criminale viene chiamata dagli agenti della Polizia di Stato “man-in-the-middle” (uomo in mezzo) e consiste nell’accesso abusivo informatico a caselle di posta elettronica di aziende italiane e estere, commesso con tecniche di hackeraggio e social engeneering. Il gruppo criminale si inserisce poi nei rapporti commerciali tra aziende e fornitori, all’insaputa delle stesse, indirizzando i reciproci pagamenti su conti correnti nella disponibilità dell’organizzazione.

Nell’operazione Phishing 2.0 sono stati impiegati solo sul territorio nazionale circa 80 uomini della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Servizio centrale e dei compartimenti regionali di Perugia, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna e Firenze.

Ciò premesso, preso atto della brillante operazione, questa O.S. ha presentato  formale richiesta premiale per tutto il personale intervento nell’operazione al capo della Polizia e ai direttori dei vari compartimento, invitandoli, ognuno per quanto di propria competenza, ad attivare le procedure necessarie per ottenere un riconoscimento, nella convinzione che oltre alle operazioni che vedono al rischio la propria vita, a cui và riconosciute le massime onorificenze, anche l’impegno e la dedizione debbano essere adeguatamente valorizzati e premiati per poter migliorare i livelli di sicurezza e produrre risultati sempre più soddisfacenti.

Nella speranza che ciò sia cosa gradita si porgono cordiali saluti

NOTIFICA TRASMISSIONE A MEZZO PEC

prot. 12.SN.2015 – Richiesta premiale per il personale intervenuto.

 

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi