Nomina ad operatore tecnico della Polizia di Stato dei familiari degli appartenenti alle Forze di Polizia deceduti o resi permanentemente invalidi

ID PROCEDIMENTO SERVIZIO PERSONALE TECNICO-SCIENTIFICO E PROFESSIONALE 2
DESCRIZIONE PROCEDIMENTO Nomina ad operatore tecnico della Polizia di Stato dei familiari degli appartenenti alle Forze di Polizia deceduti o resi permanentemente invalidi a causa di azioni criminose di cui all’art. 82, comma 1, della legge 23.12.2000, n. 388 o per lesioni riportate nel corso di servizi di Polizia o di soccorso pubblico o di missioni internazionali di pace
NORMATIVA DI RIFERIMENTO art. 5, comma 4, d.P.R. 24 aprile 1982, n. 337 così come modificato dall’art. 1 d. lgs. n. 53/2001, dall’art. 37 legge n. 3 /2003, e dall’art. 30 legge n. 266/2004
UNITA’ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE DELL’ISTRUTTORIA Divisione 2^
AREA/UFFICIO Servizio Personale Tecnico-Scientifico e Professionale
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Direttore della Divisione 2^ – Primo Dirigente della Polizia di Stato dr.ssa Paola CORRIAS
RIFERIMENTI (TEL./EMAIL) 06/46574093 PEC: dipps.333e.servtecnscienteprof.rm@pecsps.interno.it MIC: mininterno.333eperstec.rm@cert.messaggistica Posta elettronica istituzionale: serviziopersonaletecnico.rm@interno.it
RESPONSABILE DEL PROVVEDIMENTO FINALE Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza
MODALITA’ DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI Istanza di accesso agli atti amministrativi ai sensi della legge 241/1990 – sito istituzionale della Polizia di Stato – portale DoppiaVela per il personale appartenente alla Polizia di Stato
TERMINE PROCEDIMENTO (GG) 180
ISTANZA DI PARTE (SI/NO) si
DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE A (d.P.C.M. 252/2012) 1- Istanza dell’interessato;
2- documentazione idonea ad attestare il titolo di studio e i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia.
STRUMENTI DI TUTELA GIURIDICA E AMM.VA 1) Ricorso giurisdizionale amministrativo al TAR competente per ragioni di territorio, ai sensi del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, entro il termine di decandenza di sessanta giorni dalla data della notifica o comunque della effettiva conocenza del provvedimento impugnato da parte del ricorrente (“codice del processo amministrativo”) ovvero, in alternativa, 2) ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi del d.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199 , entro 120 giorni dalla data della notificazione o della comunicazione dell’atto impugnato o da quando l’interessato ne abbia avuto conoscenza (“Semplificazione dei procedimenti in materia di ricorsi amministrativi”): artt. da 8 a 15.
TITOLARE DEL POTERE SOSTITUTIVO IN CASO D’INERZIA (NOMINATIVO) Direttore Centrale per le Risorse Umane
RIFERIMENTI (TEL, EMAIL) 06/46575739
segr.risorseumane.dipps@interno.it
MODALITÀ PER ATTIVARE IL POTERE SOSTITUTIVO Istanza
PROVVEDIMENTO FINALE (ESTREMI) Comunicazione del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza

Commenti chiusi