MAXI CONCORSO “TRUFFA”: Depositata ultima memoria. Prima udienza il 27 gennaio.

images
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

In data 22 dicembre il NSP ha depositato in extremis, una importante memoria difensiva in favore dei 509 ricorrenti che hanno partecipato al ricorso avverso il concorso interno per titoli, conosciuto da tutti ormai come “concorso truffa” per l’accesso alla qualifica di vice sovrintendente. Con quest’ultimo atto si conclude il primo ciclo della difesa.

Sappiamo di stare dalla parte giusta e di avere fatto il massimo, e forse anche qualche cosina di più, per cercare non solo di tutelare le legittime aspettative di 9.000 dipendenti idonei non vincitori, ma tutta la categoria intera. Lo scopo ultimo di questa vertenza infatti è quello di tutelare la competenza e le capacità professionali di un poliziotto le quali a nostro avviso, devono prevalere necessariamente sulla mera anzianità di servizio intesa come “numero di anni prestati all’ interno dell’amministrazione” e questo per ovvi motivi..!!!!

I concorsi per soli titoli a nostro avviso vanno debellati. L’anzianità di servizio, nei concorsi pubblici, per ritenersi “titolo professionale valutabile” deve tenere conto del percorso storico, giuridico formativo ( titoli di studio – lauree e master -corsi di specializzazione anche esterni – capacità informatiche – libri e pubblicazioni scientifiche- lingue straniere parlate) e professionale (uffici e servizi svolti dal principio)  dell’operatore di polizia. Un amministrazione seria e competente non può prescindere da questa correlazione, altrimenti è destinata ad un inesorabile e triste declino.

In punto di diritto poi lo scorrimento delle graduatorie, è un istituto ormai consolidato acclarato dalla giurisprudenza ordinaria, che incardina il principio di imparzialità ed economicità della P.A., istituto riconosciuto e utilizzato ormai da tutte le amministrazioni dello Stato, compresa la nostra che in diverse occasioni lo ha già adottato…!!!!

I ricorrenti che sono iscritti al NSP possono scaricare le memorie direttamente nell’area riservata del sito, autenticandosi con user e password portandosi nelle discussioni alla voce – COMUNICAZIONI INTERNE-. Qualsiasi difficoltà nell’autenticazione sarà superata in brevissimo tempo inviando un messaggio di aiuto al nostro referente informatico Ulrico Bardari all’indirizzo: u.bardari@nsp-polizia.it.

I ricorrenti che non sono iscritti se desiderano avere la copia delle memorie possono inviare un email a nsp.polizia@gmail.com, indicando il nome e il cognome, codice fiscale e indirizzo completo di residenza e numero di cellulare. A seguito dei dovuti accertamenti la richiesta sarà evasa entro le successive 48, max 72 ore.

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi