Infezione tubercolare, rimodulazione degli accertamenti sanitari – circolare

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

A distanza di due anni, i risultati dell’analisi dei dati, relativi alle indagini cliniche e di laboratorio effettuate sugli operatori, non hanno evidenziato rischi specifici correlati ai suddetti servizi, anche per gli interventi di profilassi primaria comunque adottati (misure igienico-comportamentali ed uso dei dispositivi di protezione individuale).

Non è risultato ad oggi, nel personale della Polizia di Stato, alcun caso di malattia tubercolare correlato al rischio professionale mentre è stato evidenziato un numero di casi di infezione tubercolare latente sovrapponibile a quello atteso nella popolazione generale e, laddove indicate, sono state messe in atto le relative misure di profilassi.

Le risultanze del monitoraggio sono state recentemente pubblicate sulla importante rivista medica internazionale British Medica! Joumal Open, i cui revisori scientifici hanno confermato la rigorosità dei dati e la corretta metodologia dello studio.

Alla luce di quanto emerso, si ritiene pertanto opportuno rimodulare l’attuale programma di screening degli operatori della Polizia di Stato impegnati in attività con migranti, attraverso:

  1. il ripristino dei previgenti controlli post-esposizione (per contatti con casi accertati di tubercolosi bacillifera contagiosa);
  2. la prosecuzione del monitoraggio relativamente alla sola popolazione lavorativa più giovane, al fine di confermare, nel tempo, la bassa incidenza di positività finora riscontrata ai test di screening;
  3. l’implementazione dei momenti di informazione e formazione del personale sul rischio biologico.

La sospensione dei controlli estesi trova, peraltro, giustificazione nella possibile positivizzazione al test causata dalla reiterata esecuzione dello stesso e legata ad una sensibilizzazione del soggetto all’antigene inoculato.

La Direzione Centrale di Sanità, di concerto con gli altri uffici interessati, avrà cura di impartire le disposizioni di specifica competenza per garantire la rimodulazione nel senso suindicato dell’attuale programma di screening.

Infezione tubercolare

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi