In commissione difesa al Senato si discute lo stanziamento di risorse per il riordino delle Forze di Polizia

forze di polizia 3
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


Fonti qualificate hanno riferito che il Presidente della Commissione Sen. Nicola La Torre, nella giornata di ieri, complice sopratutto i tragici eventi terroristici avvenuti in Francia, incalzato anche dalle continue richieste del Senatore  Gasparri (membro della commissione) abbia aperto la strada ad un possibile stanziamento di risorse per il riordino delle carriere delle Forze di Polizia prevedendo altresì una nuova assunzione straordinaria di 2500 uomini che dovrebbero aggiungersi a quelle già previste dal decreto approvato in agosto. Il Tutto si rende necessario per rafforzare il sistema sicurezza e prevenire futuri e quanto mai probabili eventi terroristici dal momento che il sedicente stato islamico rivendicando gli attentati di Parigi ha minacciato stragi anche su altri obbiettivi tra i quali anche la città di Roma, quale capitale di Italia e simbolo universale della Cristianità. Si parla di 300 milioni di euro per l’anno 2016.

Meno ottimistiche sono sembrate le parole del Ministro dell’economia Pier Carlo Padoan secondo cui bisognerà verificare e individuare i capitoli di spesa dove poter intervenire poichè l’invarianza dei saldi è condizione essenziale per l’approvazione della legge di Stabilità.

Nei prossimi giorni si discuterà in ordine alle disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016) e questa sarà occasione propizia per l’approvazione di un sub emendamento in favore delle forze dell’ ordine.

Questa O.S. ritiene che su una finanziaria di circa 30 miliardi di euro si fà veramente fatica a credere che non si possa destinare meno del 3 % al sistema sicurezza in un momento dove la sicurezza acquisisce un importanza fondamentale per ogni Nazione  e su cui tutti gli Stati stanno investendo molte risorse al fine di salvaguardare la collettività e il vivere civile.

Non ci resta che attendere il proseguimento dell’ iter parlamentare nella speranza che questo porti agli esiti sperati. Circa 300 mila operatori di polizia se lo augurano fortemente.

La Segreteria Nazionale

Stampa Articolo

Commenti chiusi