Il Consiglio di Stato apre alla rappresentanza sindacale militare

roma-palazzo-spada
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Con una innovativa ordinanza il Consiglio di Stato ha ritenuto la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1475, comma 2, del d.lgs. 66/2010 (norma che prevede il divieto per i militari di costituirsi in sindacati) rilevante e non manifestamente infondata, ravvisato la palese ed insanabile contrarietà dell’art. 1475, comma 2, del d.lgs. 66/2010 con la norma di diritto internazionale convenzionale come ricavata dall’esegesi della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, rimettendo gli atti alla Corte Costituzionale, che, nell’ambito dello svolgimento del conseguente giudizio di costituzionalità, valuterà se la norma interposta non sia a sua volta contraria alla Costituzione e, come tale, non presenti “idoneità a integrare il parametro dell’art. 117, primo comma, Cost.”.

Cons. Stato Sent. 02043/2017

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi