Il camion al “Festival” mentre le Sezioni di Polizia Postale morenti lavorano

Vita da Social (2)
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Ci risiamo, ieri è stato il giorno del Internet Safer Forum 2016, giornata dedicata in tutto il mondo alla navigazione sicura in rete dei più giovani.

Giustamente la Polizia Postale e delle Comunicazioni promuove incontri con i ragazzi, ma il problema sorge ancora una volta sul “COME”.

E’ bene che tutti sappiano che dopo l’importante battaglia portata avanti da questa O.S. (VINTA) a livello politico per impedire la chiusura di 74 uffici periferici nel 2013, è scaturito un atteggiamento di rivalsa da parte del Direttore delle Specialità, Dr. Roberto Sgalla, nei confronti di tutti i dipendenti proprio di quegli uffici scampati allo scempio della chiusura.

Come? Semplice, non facendo più arrivare nulla in termini di risorse e uomini a tutte le Sezioni di Polizia Postale e delle Comunicazioni portandoli lentamente prima all’agonia (non riescono ad espletare i compiti affidati dall’autorità giudiziaria) e poi alla morte (chiusura per mancanza di personale) come già avvenuto per la  sezione di Vibo Valencia e presto avverrà per altre Sezioni.

L’ultimo strumento in ordine di tempo è quello di non destianare alla Polizia Postale chi, già appartenente alla Specialità, risulta vincitore di concorso interno, di fatto costringedo queste persone a dover scegliere tra la progressione di carriera e il mantenere il proprio incarico nella Specialità.

Quindi il personale delle Sezioni viene Comandato in tutte le Provincie di fare il giusto lavoro di incotrare i ragazzi nelle scuole (ONERI!) mentre i meriti se li prende “l’entità” centrale creata ad hoc denominata una vita da social (ONORI!).

Come? Obbligando le Sezioni a diffondere un comunicato stampa precompilato dal Servizio Centrale della Polizia Postale e delle Comunicazioni che non menziona minimamente il lavoro svolto dai poliziotti delle Sezioni e fa passare tutto per un lavoro fatto da “una vita da social”, dalla “campagna itinerante”…

In realtà, come già avviene da tre anni a questa parte, il camion super costoso della Polizia Postale è parcheggiato fuori a Sanremo e il personale impiegato, sempre il solito da tre anni, tra cui l’ormai noto dirigente sindacale, avrà la possibilità di godersi una bella missione ambita e pagata proprio al tanto amato Festival della Canzone italiana.

Mentre si stanno di fatto tagliando 74 Uffici di Polizia Postale disseminati sul territorio nazionale e  buona parte del personale altamente specializzato, allo stesso tempo si millanta un innalzamento della guardia sul fronte della sicurezza nelle reti a fronte di un risparmio economico.

Ci spieghino COME.

LA SEGRETERIA NAZIONALE

 

Stampa Articolo

Commenti chiusi