I SINDACATI SI SVEGLIANO E SI ACCORGONO CHE IL CONCORSO E’ ILLEGITTIMO. LA PAROLA GIUSTA E’ OPPORTUNISMO.

images
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

A poco più di un mese dal termine ultimo per la presentazione  delle disdette sindacali, (GUARDA CASO) tutti i sindacati di Polizia si svegliano e si accorgono che il concorso interno per l’accesso alla qualifica di 7563 vice sovrintendenti è pieno di irregolarità che andrebbero sanate. Irregolarità per le quali il NSP si stà battendo da anni nella più totale indifferenza della rappresentanza sindacale maggioritaria della Polizia di Stato. Anzi se proprio vogliamo dirla tutta questo concorso è il risultato del loro ostruzionismo e dei loro veti che non hanno permesso l’adozione di strade diverse e infinitamente più percorribili e più meritocratiche di questa.   Questo concorso non è nient’altro che il frutto della loro incapacità e sopratutto della loro incompetenza…!!!

Ma oggi, all’improvviso questi “signori” prendono atto di irregolarità e anomalie a tal punto da inviare un comunicato congiunto al Capo della Polizia per riaprire il confronto su questa sciagurata procedura concorsuale. Semplicemente penoso..!!!

Questo atteggiamento, a nostro avviso, dimostra per l’ennesima volta l’avidita il cinismo e l’opportunismo di queste associazioni le quali hanno sempre mirato (e mirano tutt’ora)  esclusivamente a mantenere il proprio “status quo” ovvero il proprio bacino di tessere a fini strumentali, egoistici coporativisti ed economici, piuttosto che combattere e lottare per linee di principio basate su elementi giurisprudenziali validi al fine di introdurre equità e criteri meritocratici, nell’interesse della categoria.

Siamo certi quindi che questa volta molti colleghi non cadranno per l’ennesima volta nell’ imbloglio di questi “vignaioli” e non si faranno imbambolare ed ingannare da un meschino e miserevole comunicato congiunto, ma daranno sfogo alla propria frustrazione di essere stati presi in giro per troppi anni, arrivando alla conclusione che forse è arrivata l’ora di cambiare.

L’alternativa oggi esiste e si chiama NSP (circa 1000 iscritti) il sindacato più trasparente e pulito d’Italia che è fuori dalle logiche del clientelismo delle raccomandazioni delle lobbies e delle corporazioni che lotta solo ed esclusivamente nell’interesse della propria categoria senza contropartite. L’unico sindacato a nostro parere degno di rappresentare gli operatori della Polizia di Stato.

LEGGI IL COMUNICATO CONGIUNTO

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Un commento:

  1. Il 31 ottobre si avvicina..fate la scelta giusta..date un taglio al vecchio modo di fare sindacato e iscrivetevi al NSP!:-)

Commenti chiusi