Decreto enti locali è legge: 5000 nuove assunzioni in due anni nelle forze di Polizia: Dentro tutti i vincitori di seconda aliquota e tutti gli idonei.

AGENTI POLIZIA 1
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

In data odierna è stato approvato il cd decreto “enti locali” dove, per le emergenze relative ai servizi di ordine e sicurezza pubblica, connesse all’imminente Giubileo, sono state previste complessivamente 5000 nuove assunzioni nelle forze di Polizia per i prossimi due anni, di cui 2500 per il 2015 (partiranno il 1 ottobre di quest’anno) e 2500 per il 2016 (partiranno il 1 ottobre dell’anno prossimo). I posti saranno ricoperti attingendo dalle graduatorie dei concorsi indetti dal 2010 in poi, dando la priorità a tutti i vincitori di seconda aliquota e, per i posti residui attraverso lo scorrimento degli idonei non vincitori, secondo un principio meritocratico che questa O.S. ha sempre condiviso. Oltre a queste sono previste per l’anno 2015 anche 250 assunzioni nel Corpo Nazionale vigili del fuoco.

La norma specifica però che le predette assunzioni andranno tutte “a valere sulle facoltà assunzionali relative all’anno 2016 e 2017.” Questo significa che non sarà possibile bandire altri concorsi fino al 2018 perchè il numero dei vincitori e degli idonei complessivamente soddisfa l’intera quota, in relazione alle facoltà assunzionali del biennio 2016 e 2017.

Detto ciò, accogliamo con favore questa operazione straordinaria che permetterà l’assunzione di nuovo personale nelle forze di polizia attraverso lo scorrimento di tutte le graduatorie, principio meritocratico che questa O.S. ha sostenuto in ogni sede.

Nella pratica la Polizia di Stato assumerà complessivamente 2.100 persone tra il 2015 e il 2016. Il numero dei vincitori di seconda aliquota relativi ai concorsi indetti tra il 2010 e il 2013 e quello degli idonei non vincitori arriva perfettamente alle 2.100 unità.

emendamento assunzioni straordinarie approvato con relazione tecnica

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi