Dal 18 ottobre sparisce Il contrassegno assicurativo. Per le Forze dell’ordine accertamenti semplificati

terminali di bordo
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sul sito istituzionale, comunica che, dal 18 ottobre 2015, cessa l’obbligo di esporre sull’auto i contrassegni di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi.

Resta solo l’obbligo di portare a bordo il certificato di assicurazione, pena l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dall’art. 180 del Codice della strada.

il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, porta quindi a termine tutti gli adempimenti necessari per la dematerializzazione dei contrassegni stessi, così come previsto dall’art. 31 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, dal decreto interministeriale 9 agosto 2013, n. 110.

La smaterializzazione del contrassegno è stata resa possibile grazie alla costituzione del CED della Direzione generale per la Motorizzazione, ovvero la banca dati contenente le informazioni relative alla copertura assicurativa dei veicoli, aggiornata in tempo reale dalle compagnie di assicurazione per il tramite di ANIA.

Inoltre, è stata realizzata un’applicazione, ad accesso pubblico per tutti i cittadini, disponibile sul sito web www.ilportaledellautomobilista.it si può scaricare l’app IPatente accedendo, con il numero di targa, allo stato della copertura assicurativa di un qualunque veicolo automobilistico.

Sullo stesso sito web è anche disponibile, per i soli organi di polizia, un’applicazione che fornisce le informazioni di dettaglio delle coperture assicurative, comprese quelle relative agli intestatari dei veicoli, al fine di consentire l’adozione degli eventuali provvedimenti sanzionatori.

L’accertamento della violazione degli obblighi RCA auto sarà inoltre consentita anche attraverso i dispositivi per il controllo del traffico ed il rilevamento a distanza delle violazioni al codice della strada.

Infine, sempre sullo stesso sito web, è anche disponibile un’applicazione che consente alle Forze dell’ordine ed alle Prefetture di ottenere gli elenchi dei veicoli non coperti da assicurazione, distinti per provincia di residenza dei relativi intestatari.

In tal modo, i cittadini e le forze di polizia potranno disporre di informazioni costantemente aggiornate della situazione relativa alla copertura assicurativa dei veicoli.

Fonte: M.I.T.

Stampa Articolo

Commenti chiusi