CONVENZIONE TIM: Per l’Arma dei Carabinieri è già attiva. La Polizia rimane alla finestra a guardare

Carabinieri-e-Polizia
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Ancora una volta i nostri cugini hanno dato prova di efficienza e speditezza, dimostrando doti di intraprendenza ed ingegno nettamente superiori a quelle della nostra amministrazione, tanto da riuscire ad attivare in tempi “record” le nuove tariffe telefoniche, recependo la nuova convenzione CONSIP a poco più di due mesi dalla stipula.

Questo a tutto vantaggio dei carabinieri, mentre il personale della Polizia rimane inerme alla finestra a guardare un amministrazione inefficiente e continuando a pagare tariffe doppie rispetto a quelle attuali. Eppure basterebbe che i nostri dirigenti preposti al Ministero dell’Interno, invece di girarsi i pollici e pensare alle vacanze estive, si occupassero in primis dei loro doveri di ufficio per i quali vengono pagati profumatamente e provvedessero con un po di impegno e determinazione ad attivarsi per ridurre del 50% le tariffe telefoniche di 95.000 dipendenti nell’interesse collettivo a beneficio di tutti. Nonostante la nostra sollecitazione presentata il 11 giugno (Leggi l’istanza presentata) ancora oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta.

Il nuovo piano tariffario ratificato dall’arma dei carabinieri  (clicca qui per vedere le tariffe) prevede l’attivazione del servizio “TIM DUO” che darà la possibilità di anteporre il codice 4146 per tutte le chiamate, in sostituzione dell’attuale modalità di addebito in busta paga non più praticabile. Eventuali contenziosi potranno essere gestiti con una maggiore celerità ad esempio mediante il blocco dell’addebito in banca.

Come predetto, il nuovo piano prevede tariffe telefoniche, sms e traffico dati con prezzi dimezzati rispetto a quelli precedenti. La procedura di migrazione dalla vecchie alle nuove tariffe sarà articolata in due fasi:

1^FASE – applicazione delle nuove tariffe trascorsi 30 giorni dalla formale accettazione da parte del Ministero della Difesa (attività che sarà a cura della telecom senza coinvolgimento dell’utente). In questo periodo di tempo il militare, valutate le nuove condizioni economiche, potrà con il tacito assenso accettare il nuovo piano tariffario, oppure chiedere il subentro con altro operatore o chiedere la cessazione dell’utenza.

2^ FASE – Dal mese di ottobre e fino alla fine di dicembre i militari dovranno attivare, tramite il portale intranet, nell’area dedicata alla convenzione telecom il servizio “TIM DUO” con addebito diretto su c/c bancario personale a su carta di credito.

La mancata adesione a “TIM DUO” entro il 31 dicembre 2015 comporterà la cessazione definitiva dell’utenza.

Non ci resta che attendere che i nostri dirigenti si sveglino dal lungo letargo e comincino a prendere le carte e farle girare, affinchè anche la Polizia di Stato possa beneficiare di questa agevolazione economica.

Convenzione Tim Carabinieri (1)

Convenzione Tim Carabinieri (seguito)

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi