CASSAZIONE: Abuso d’ufficio si configura anche per favoritismo

giustizia-1
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

“In tema di elemento soggettivo del reato di abuso di ufficio, non è richiesta la prova della collusione del pubblico ufficiale con i beneficiari dell’abuso, essendo sufficiente la verifica del favoritismo posto in essere con l’abuso dell’atto di ufficio, prova che può essere desunta anche da elementi sintomatici come la macroscopica illegittimità dell’atto compiuto, o anche anche da una serie di indici fattuali, tra i quali assumono rilievo l’evidenza, reiterazione e gravità delle violazioni, la competenza dell’agente, i rapporti fra agente e soggetto favorito, l’intento di sanare le illegittimità con successive violazioni di legge”. È questo il principio ribadito dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza pubblicata in data 15 marzo 2017 (Presidente: DI NICOLA _ Relatore: ACETO – Data Udienza: 01/02/2017). Per approfondire scarica la sentenza.

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snpen&id=./20170315/snpen@s30@a2017@n12397@tS.clean.pdf

FONTE GAZZETTA AMMINISTRATIVA

Stampa Articolo

Commenti chiusi