ASSUNZIONI FORZE DI POLIZIA: LA FUNZIONE PUBBLICA NON AUTORIZZA A BANDIRE NEL TRIENNIO 2015/2017

AGENTI POLIZIA 2
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Il ministro della Funzione pubblica Marianna Madia e il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, hanno firmato il decreto che dispone le autorizzazioni a bandire concorsi nonchè le autorizzazioni ad assumere per il triennio 2015/2017 nel comparto sicurezza. dpcm controfirmato mef (In attesa di registrazione da parte della Corte dei conti e di pubblicazione sulla gazzetta ufficiale).

Come emerge dal decreto non è presente nessuna autorizzazione a bandire concorsi nelle forze di polizia, ad eccezione del corpo nazionale dei vigili del fuoco che è stato autorizzato a bandire un concorso per 250 posti.

Il DPCM stabilisce il via libera ad assunzioni di agenti ordinari delle forze dell’ordine attraverso il meccanismo dello scorrimento delle graduatorie nei limiti di seguito indicati:

  • 757 Allievi Carabinieri – Vincitori del concorso del 30.4.2010
  • 377 Allievi agenti (bando 14.3.2014) con decorrenza 2.2.2015 ex art 3, ter., 3.quater, del d.l. 90/2014. VEDI TABELLA B DEL DEL DECRETO ALLEGATO

La predetta autorizzazione ad assumere si riferisce solo all’anno 2015.

Autorizzazione ad assumere anche 320 vice ispettori. Si potrebbe profilare quindi un ampliamento dei posti relativi al concorso interno per 1400 posti bandito nel 2013 e ancora in fase di svolgimento mentre, riguardo il concorso pubblico aperto ai civili per vice Ispettore, la cui uscita era in programma per la fine dell’anno, si potrebbe profilare un rinvio a data da destinarsi.

Stante i dati oggettivi sopra riportati, nulla però può essere dato per scontato. Infatti lo stesso decreto all’art. 3 stabilisce che : Le amministrazioni che intendano avviare assunzioni per unita’ di personale appartenenti a categorie e professionalita’ diverse rispetto a quelle autorizzate con il presente decreto, fermo restando i limiti previsti nelle tabelle allegate, o che intendano procedere all’indizione di concorsi diversi rispetto a quelli autorizzati, possono avanzare richiesta di rimodulazione indirizzata sia alla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per la funzione pubblica, Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni, sia al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della ragioneria generale dello Stato, IGOP”

Novità o variazioni quindi potranno sempre intervenire. Sarà nostra cura tenervi al corrente di ogni ulteriore sviluppo sul tema.

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Stampa Articolo

Commenti chiusi